media

Difese immunitarie: come proteggersi dai malanni stagionali

Il periodo più freddo dell’anno si sta avvicinando e l’autunno ci sta già portando i primi sbalzi di temperatura. Al fine di non contrarre i classici malanni di stagione, è importante sfruttare questo periodo per rinforzarsi e prepararsi all’inverno, vediamo insieme come.

Il sistema immunitario: rinforzarlo a tavola

Quando siamo a tavola possiamo rinforzare il nostro corpo grazie a quei cibi che, oltre a regalare al nostro organismo tutte le vitamine e le proteine di cui necessita, sono fondamentali per tenere in forma tutto l’apparato gastro-intestinale, fondamentale per un sistema immunitario efficiente. Consigliamo quindi di assumere:

  • vitamina C, contenuta in abbondanti quantità negli agrumi e nei kiwi;

  • fermenti lattici e probiotici, presenti nello yogurt e nel formaggio;

  • omega 3, presenti nel salmone, nelle noci, nelle uova;

  • vitamina D, prodotta naturalmente dal nostro organismo stesso quando ci esponiamo al sole.

Le buone abitudini

Praticare attività fisica in maniera moderata e costante, anche solamente passeggiare tutti i giorni, può aiutarci a tenere attiva la circolazione del sangue, importantissima per le difese immunitarie.

Lo stress può minare la salute delle nostre difese, è quindi importante evitare situazioni ed eventi stressanti che, a causa degli ormoni che portano a produrre, indeboliscono le nostre difese, così come succede quando l’umore scende: in sostanza è importante, sempre, pensare alla propria felicità.

Grande rilevanza va data anche al sonno: dormire bene per almeno sette ore a notte è molto importante, tenendo conto del fatto che la mancanza del giusto riposo può causare l’abbassamento delle difese immunitarie.

Igiene personale

Ce lo ripetono ancor di più da quando c’è il Cov19: l’igiene personale è importantissima, in quanto nella nostra quotidianeità entriamo a contatto con diverse persone e oggetti che potrebbero essere infetti.

È quindi davvero importante lavarsi le mani prima di mangiare, ma anche evitare di farle entrare a contatto con bocca, occhi e naso (mucose).

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

  • 26/10/2020
  • Commenti: 0
Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *