media

Cistite in vacanza come prevenirla e curarla

Arriva l’estate e finalmente possiamo rilassarci un po’ e liberare la testa da tutti i pensieri che portano il lavoro, la famiglia e la casa. Chi soffre di cistite ricorrente, però, può trovarsi costretta a trascorrere le vacanze in città, perché c’è meno rischio di infezioni ed è più facile curarla in caso di acutizzazione del disturbo.

Quali sono i fattori che la scatenano?

  • L’innalzarsi delle temperature: si suda di più, si è dunque meno idratati, il che comporta anche una maggiore concentrazione delle urine e quindi una maggiore carica batterica. L’umidità agevola la proliferazione dei batteri che possono risalire l’uretra e da lì arrivare in vescica.
  • Trattenere troppo l’urina per evitare di farla durante il viaggio in bagni di treni, autobus o autogrill. I bagni pubblici, si sa, sono un ricettacolo di batteri nonché un veicolo di contaminazione ideale, ma con la giusta attenzione possono essere utilizzati senza troppe gravi conseguenze.
  • Cambio dei ritmi della propria routine e lo stile alimentare. Tutti elementi che possono alterare la regolarità dell’intestino, indurre stitichezza e, con la stasi prolungata delle feci nell’intestino, favorire la proliferazione dei batteri.
  • La sabbia, non il più salubre degli ambienti, può favorire l’insorgere di infezioni.

Prevenzione

Tenendo conto di quanto sopraelencato, per evitare di incorrere in cistite si possono prendere le seguenti precauzioni:

  • Idratarsi bevendo almeno 1.5 lt di acqua al giorno.
  • Evita di trattenere l’urina.
  • Lavarsi sempre le mani sia quando si entra che quando si esca da un bagno pubblico. Meglio ancora se si è sempre muniti di salviette intime delicate, fazzolettini di carta, gel detergente antibatterico per le mani.
  • Cambiare spesso l’assorbente se si hanno le mestruazioni. Meglio non utilizzare i tamponi vaginali e limitare l’uso dei salvaslip.
  • Consumare alimenti, come frutta e verdura, ricchi di vitamina C, essa aumenta il livello di acidità dell’urina, contrastando la proliferazione batterica.
  • Evitare le prolungate esposizioni al sole. 
  • Non sedersi direttamente sulla sabbia, soprattutto quella bagnata.


Ferzym Nocist

Consigliamo vivamente Ferzym Nocist, che è un integratore alimentare a base di selezionati e specifici ceppi di fermenti lattici probiotici e fruttoligosaccaridi a corta catena (fibre prebiotiche vegetali), indicato nel riequilibrio della flora batterica intestinale. Contiene fermenti lattici Dual Coated microincapsulati che, grazie alle loro caratteristiche, risultano stabili, disponibili e resistenti alle condizioni a loro sfavorevoli. Si consiglia l'assunzione di 1 bustina al giorno, da sciogliere direttamente in bocca, o se si preferisce, in un po' d'acqua.

Se hai dubbi, curiosità o vuoi semplicemente approfondire l’argomento, non esitare a contattarci. Il nostro team è a tua disposizione.

  • 31/07/2019
  • Commenti: 0
Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *